Benvenuto sul nuovo sito di Mesolcina Caccia!!!


TIC TAC TIC TAC......

This free script provided by JavaScript Kit




Si comunica che sabato 27 Febbraio si terrà la consueta GIORNATA DI CURA DISTRETTUALE, quest'anno si svolgerà a Soazza


Il lupo c'è!

Il lupo ha fatto la sua ricomparsa in Mesolcina dopo oltre sei mesi di assenza. Secondo quanto riferisce il CdT, il predatore avrebbe sbranato un capriolo a Pian San Giacomo sul finire dello scorso mese di agosto. L’Ufficio caccia e pesca del Canton grigioni non ha dubbi, si tratta del lupo. Soprattutto per le ferite riscontrate sul selvatico e non imputabili ad un cane.

Il predatore, la cui presenza è segnalata in Mesolcina dal 2013, sembra prediligere la selvaggina, risparmiando ovini e caprini. Nel mese di febbraio, aveva ucciso un cervo nella campagna di Soazza.

Si sono invece perse le tracce dell’orso avvistato da un cacciatore nei primi giorni di settembre in Val di Roggiasca, sopra Roveredo. Del plantigrado, del peso di circa 80 kg e dalla pelliccia marrone scuro, non si hanno più notizie.

Prova obbligatoria di precisione per cacciatori

Vi informo che ha partire da quest'anno i cacciatori dovranno sostenere un esame di tiro mirato alla precisione.

In pratica: per chi vuole staccare la patente di caccia alta, deve colpire il bersaglio camoscio per 4 volte di seguito con punteggio minimo 8, distanza minima 100m.

Per chi intende staccare la patente di caccia bassa deve colpire almeno 4 volte di seguito il piattello oppure la lepre corrente 3 segmenti (anteriore o centrale) oppure il piattello lepre, per 4 volte consecutive. Nessuna restrizione sul tipo di grammatura o calibro (carabina minimo .222).

Tassa 15 CHF per prova carabina e 15 CHF per prova pallini, che verrano versati alla società, il tiro si può ripetere. Ulteriori informazioni presso i monitori di tiro caccia delle varie società,


Ritorno dell'orso, Roveredo GR

Un cacciatore, ha avvistato un orso in in territorio di Roveredo, precisamente in Val di Roggiasca, una laterale della Mesolcina raggiungibile anche in auto tramite la strada che conduce alla diga realizzata nel 1965.

Il cacciatore, ha riferito il padre alla RSI, ha visto l'orso a una trentina di metri. Il seguace di Diana roveredano si trovava acquattato quando, sentiti alcuni rumori, è uscito allo scoperto pensando di poter mettere nel mirino un cinghiale. Invece si è trovato di fronte la sorpesa. Il plantigrado ha accennato ad avvicinarsi e, a quel punto, il cacciatore si è rapidamente allontanato per evitare incontri del peggior tipo.

Le autorità cantonali consigliano la massima attenzione. Per saperne di più, è stato attivato una pagina web dedicata — www.orso.gr.ch — con informazioni utili sul comportamento da tenere in presenza di orsi.

(fonte RSI.ch)